Viaggi&Viaggiatori 2014 – Immagini e Racconti dal Mondo

Viaggi&Viaggiatori 2014

Viaggi&Viaggiatori 2014

Ritorna Viaggi&Viaggiatori Immagini e Racconti dal Mondo. Una sorta di “Alle falde del Kilimangiaro” in salsa nostrana. Gente Friulana che ha fatto e documentato viaggi molto belli, interessanti ed emozionanti.

Li condividerà con noi GIOVEDì 13, 20 e 27 MARZO 2014. Ore 20:30 a MANZANO (UD) c/o Antico Foledor Boschetti della Torre in via natisone n.25 (a fianco al Municipio). Ampio parcheggio, INGRESSO LIBERO.

Al termine delle serate potremo degustare anche i pregiati vini delle aziende del territorio.
Condividi e fai girare, potrebbe far piacere a tanti visitare virtualmente questi luoghi. Grazie

Un sentito ringraziamento da parte mia e dell’Associazione Culturale Art&Sport:

– in primis ai Viaggiatori Paolo Cozzarolo e Luigino Zamaro, Maurizio e Daniela De Biasio, Luca e Egle Marini e al Viaggiatore/Atleta Pio Tomasetig

ai Sostenitori dell’iniziativa per la loro disponibilità e sensibilità: Agenzia Viaggi Universi Paralleli di Manzano, Az. Agr. CASASOLA Viticoltori in Rosazzo (UD), Az. Agr. TAMI Viticoltori in Buttrio – Nimis (UD), Az. Agr. LA SCLUSA Viticoltori nei Colli Orientali, Az. Agr. EL CLAP Viticoltori in Villanova D.J., FLORDOR Fiori e Piante (Manzano), AGRARIA PASSONE (Manzano), FIORERIA FAUSTO e ANITA (Manzano).

– al Comune di Manzano per il patrocinio dell’iniziativa

– a tutti quelli che ci aiutano a reperire i contatti di Viaggiatori e Persone splendide

– a tutti quelli che ci aiutano a diffondere l’iniziativa che ci auguriamo sia gradita.

Tutte le info sulla pagina Facebook. Condividi e fai girare, grazie 🙂

Manzano esporta cultura in Germania

da sx il consigliere ALberto Misano, Katia Gori, Livio Fantini, Renato Paoluzzi.

da sx il consigliere ALberto Misano, Katia Gori, Livio Fantini, Renato Paoluzzi.

Chi l’ha detto che da Manzano si esportano solo sedie?
Da sabato 14 a sabato 28 settembre 2013 alcune opere di tre affermati artisti di Manzano sono state esposte alla quarta edizione de “Il Miglio della Cultura” a Wolfratshausen, una vivace cittadina a mezz’ora da Monaco di Baviera.
I tedeschi hanno così potuto ammirare per due settimane i quadri di Katia Gori e Renato Paoluzzi e le sculture di Livio Fantini insieme alle opere di una settantina di artisti internazionali.
Il Miglio della Cultura è una biennale d’arte che si integra fondendosi con la città, le opere infatti vengono disseminate in ogni dove: dai parchi alle vetrine dei negozi, dagli alberi ai centri commerciali, stupendo e ammaliando costantemente il visitatore.

Qui uno stralcio della mia intervista sul Messaggero Veneto -> In questi momenti di crisi dobbiamo valorizzare al meglio e far apprezzare le nostre peculiarità artistiche e territoriali, sottolinea il consigliere Alberto Misano che ha guidato la task-force artistica in Germania. Queste sinergie, nate grazie agli ottimi e ultratrentennali rapporti instaurati dal corpo bandistico N.Pastorutti e perfezionati col patto di amicizia sottoscritto nel 2011 dal Sindaco Driutti e dal suo omologo di Wolfratshausen, mettono in moto un circolo virtuoso di interscambi culturali che si traducono anche in promozione del nostro territorio oltre che dei nostri artisti, con ricadute positive quindi per tutto il Manzanese, la provincia e la regione. (r.t.)
CLICCA QUI per l’articolo completo.

Rassegna Artistica a Manzano

municipium
Presso l’Antico Foledor “Boschetti – Della Torre” a Manzano, dal 16 Aprile al 01 Maggio, orari d’apertura dalle 17:00 alle 19:00.
Espongono Marialisa Povegliano Bulfone, Giuseppina Romeo e Francesco Sapia di Siena.
Tutti gli Artisti fanno parte del Gruppo di lavoro “Municipium – Artisti nei Palazzi Comunali del Friuli Venezia Giulia.”

Riqualificazione in via Monte Santo a Manzano

ristrutturazione_ater_manzano

ristrutturazione_ater_manzano

MANZANO-ATER E REGIONE RIQUALIFICANO VIA MONTE SANTO 10
Uno stanziamento di 600.000 euro consentirà la ristrutturazione dell’immobile di via Monte Santo 10 a Manzano. A parziale copertura dei lavori, un finanziamentodi mezzo milione di euro è stato deliberato oggi dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore alle Infrastrutture e ai Lavori pubblici Riccardo Riccardi mentre i rimanenti 100.000 euro saranno garantiti dall’ATER-Azienda Territoriale per l’Edilizia Residenziale di Udine. Al posto degli attuali 12 monolocali (composti da una stanza con angolo cucina e bagno), nella palazzina di via Monte Santo 10, saranno realizzati 6 nuovi appartamenti di 50/60 metri quadri.
Si tratta, dunque, di una totale riconversione degli attuali alloggi, ritenuti non più consoni alle moderne esigenze abitative.
Prevista la realizzazione di isolamenti e cappotti energetici, la sostituzione degli infissi e dei pavimenti e, infine, la creazione di nuovi sistemi di riscaldamento a pavimento.
L’Ater comunica che l’intervento si trova ancora in una fase di ristrutturazione, i lavori dovrebbero partire nei primi mesi del 2013.
Fonte IL QUOTIDIANO FVG di VENERDI 19 OTTOBRE 2012

Parco fotovoltaico a Manzano

parco fotovoltaico manzano

pannelli installati a terra

Dopo il consiglio comunale di sabato 30 giugno 2012 dove l’argomento principale era la proposta di delibera n.33 avente per oggetto “LAVORI DI REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 7,19 MWP E OPERE A
SERVIZIO DELL’IMPIANTO. SOLAR PARK NATISONE S.R.L.. PARERE. ADEMPIMENTI.
” e in seguito al relativo articolo apparso sul Messaggero Veneto sono stato avvicinato da diversi cittadini manzanesi raccogliendo le loro opinioni: tanti sono favorevoli, qualcuno contrario per “questioni ideologiche” e qualcuno mi accusa di aver espresso un voto “allineato”.

Il post nasce quindi per esplicitare le mie motivazioni ad aver espresso parere favorevole.

La proposta di delibera prevedeva in buona sostanza l’adozione di una variante urbanistica per permettere ad una società privata di installare su un terreno agricolo privato un parco solare fotovoltaico. L’area interessa circa 17 ettari vicino all’esistente parco solare in località “Casali Birri”.
La delibera conteneva anche la convenzione mediante la quale la società privata realizzerà e cederà gratuitamente alla cittadinanza di Manzano a titolo di compensazione un impianto fotovoltaico nella zona PIP.

Giustamente il semplice buon senso dice che è preferibile installare i pannelli a tetto piuttosto che su un terreno agricolo.
Quindi in un mondo ideale tutti i pannelli stanno sui tetti (o ad es. nelle cave bonificate e riconvertite al fotovoltaico).

Però è anche vero che:
– viviamo in un mondo reale e non ideale
– quella zona è incolta e “magra” da anni e visto che l’uomo non si nutre di erbacce, almeno non per il momento, non viene rubato terreno all’agricoltura
– con un recente referendum popolare la maggioranza degli italiani si è espressa per abbandonare il nucleare in favore delle energie rinnovabili come il fotovoltaico
– se vogliamo veramente incrementare la produzione energetica da fotovoltaico dobbiamo installare MOLTI mq di pannelli, non nascondiamoci dietro ad un dito (siamo nel mondo reale!)
– per produrre 7,19 MWp (l’impianto oggetto di delibera) sono necessari decine di migliaia di mq e sfido a trovare simili superfici su tetti di edifici in capo ad un unico soggetto (in un mondo reale!)
installare a tetto simili impianti comporta costi e problematiche che rendono svantaggiosa l’operazione rispetto all’installazione a terra (in un mondo reale!)
– il progetto originario era molto impattante e l’amministrazione lo cassò (in ottica di tutela del territorio) proponendo delle riduzioni e modifiche accettate e inserite nella nuova formulazione

Da anni parliamo di attrarre nuovi investimenti su Manzano e quando questi arrivano diciamo NO? Sarebbe un controsenso.
D’accordo che non si tratta di un’apertura di una nuova fabbrica con creazione di posti di lavoro, però un simile investimento permette:
– un introito per le casse del Comune (derivante dall’IMU)
– la realizzazione a cura e spese della società privata di un impianto fotovoltaico da 100 KWp che verrà ceduto gratuitamente al Comune e che genererà introiti per il Comune.

Ricapitolando l’investimento della società privata garantirà alla comunità di Manzano entrate extra di diverse decine di migliaia di euro per i prossimi anni.
Questo permetterà di fronteggiare i sempre minori trasferimenti dello Stato centrale e della Regione (la spending review tanto di moda) e contribuirà (nei limiti) a mantenere invariati i servizi senza alzare le tasse.

Alla luce di tutto questo ho espresso parere favorevole.

La casa dell’acqua

casa dell'acqua manzano

casa dell’acqua (immagine NON rappresentativa presa dal web)

Con la delibera di giunta n.148 procede l’iter per installare a Manzano la casa dell’acqua.

Quest’opera, nata dalla sinergia tra Amministrazione di Manzano e Acquedotto Poiana, sarà dunque una valida alternativa pubblica all’acqua in bottiglia.

Oltre al beneficio ecologico (abbattimento dell’utilizzo di plastica-PET) si andrà anche a valorizzare sensibilmente l’area del capoluogo (ecopiazzola di via Zorutti) dove verrà installata la casa dell’acqua.